Tu sei qui

Brevetti internazionali che parlano di un futuro plastic-free e di sostenibilità
14/06/2020
-
news

di Enrico Montaguti

Il progresso non si può fermare, diceva qualcuno: ebbene ci sono chiari indicatori che l’adattarsi delle tecnologie alle esigenze funzionali e dei trend di mercato in questo momento sorridano alla carta. In particolare in questo focus vedremo alcuni brevetti che stanno risolvendo alcune delle esigenze della supply chain dell’ortofrutta, che dalla raccolta alla vendita deve essere valorizzata. Questa valorizzazione deve avere delle credenziali, queste sono svariate e dettate da tanti attori, ma chi produce packaging deve avere un’abile regia: vediamo alcuni trailer.

Fonkels, società di packaging olandese, è partita da un’azienda agricola che durante la sua riconversione green ha chiesto un imballaggio più sostenibile. Il risultato della collaborazione è un cestino brevettato, composto interamente in cartone riciclabile nei formati da 250 e 500 grammi. Il cestino presenta bordi che prevengono il danneggiamento del frutto durante la raccolta e facilitano l’inserimento nelle cassette da distribuzione. Si tratta di un esempio di design intelligente che ottimizza l’usabilità del contenitore, non impattando sulla robustezza né sul look.

Rimanendo in Olanda troviamo un altro ambizioso progetto firmato Remmert Dekker Packaging. Questa volta si parte dalla richiesta di un cliente importatore alla ricerca di imballi idrorepellenti ma sostenibili. In  quest’ottica, la ditta di imballaggi ha sperimentato l’utilizzo di una vernice protettiva a base d’acqua per rivestire il cartoncino. Questa soluzione permette di evitare il laminato di plastica mantenendo comunque una barriera contro l’umidità e sviluppando un imballaggio riciclabile interamente nella carta, risparmiando sui costi di separazione del misto. Questa speciale verniciatura è già presente sugli scaffali del nostro continente (ancora non in Italia) avendo superato tutti i test di sicurezza alimentare e si prospetta di avere un enorme potenziale.

Arriviamo all’ultimo brevetto marchiato Metro, catena tedesca leader internazionale nel commercio all’ingrosso e nel food service, che sta concentrando grandi investimenti sull’imballaggio sostenibile. L’ultima trovata è un imballaggio già brevettato in Germania privi o quasi di plastica per contenere le erbe aromatiche pretagliate (vedi foto). Questo capitolo della politica sostenibile di Metro dovrebbe permettere un taglio di oltre 100 tonnellate di rifiuti plastici all’anno.

Il plastic-free e il design come valore funzionale, oltre che estetico, sono temi interessanti per l’opinione pubblica e saranno scelte obbligate della GDO nei confronti del consumatore e dell’ambiente.

 

Fonti e approfondimenti