Tu sei qui

Estate di difficoltà per la vendita di prodotti ortofrutticoli in GDO
07/11/2016
-
news

Lo scorso giugno i consumi di prodotti ortofrutticoli in Italia facevano registrare un deciso aumento rispetto allo stesso periodo del 2015 grazie ad un anticipo della raccolta di prodotti estivi e ad un clima estivo che ha invogliato i consumatori a consumare più frutta e verdure.

Purtroppo nei mesi seguenti l’aumento dei consumi si è arrestato e la vendita di prodotti ortofrutticoli in GDO ha subito una battuta d’arresto.

Questo è quanto risulta dal report mensile di Agroter sulla vendita di prodotti ortofrutticoli in GDO (dati IRI).

Tra maggio e settembre 2016 i trend aggregati per pesche, nettarine, angurie e meloni segnalano un calo del -6,3% a volume e di un -5,2% a valore.

In dettaglio chi perde di più a volume sono pesche e nettarine (-7,5%), mentre chi flette di più a valore sono le angurie (-14,8%) con un calo dei prezzi medi di quasi 10 punti percentuali.

I consumi sono comunque più alti rispetto al 2014, anno nero per la vendi di prodotti ortofrutticoli in GDO.

Va segnalato come questi siano ancora dati parziali che si riferiscono solo alla vendita di prodotti ortofrutticoli in GDO. Infatti secondo le elaborazioni CSO i consumi di ortofrutta in Italia (GDO + superfici tradizionali dati GFK) ad agosto 2016 non si discostano dai consumi per lo stesso periodo 2015.

Bisognerà dunque attendere le prossime settimane quando saranno pubblicati i dati sui consumi italiani fino a settembre per dare una valutazione complessiva sulla vendita di prodotti ortofrutticoli estivi.