Tu sei qui

Produzioni pere 2016 in calo secondo le prime indiscrezioni OI pera
18/07/2016
-
news

Il 2014 e il 2015 sono stati due anni di rinascita per la produzione di pere italiana che è tornata a crescere dopo 2 anni di forti difficoltà.

Le prime stime fornite da OI Pera durante il comitato di coordinamento indicano che nel 2016 il trend di crescita potrebbe arrestarsi.

In particolare in Emilia Romagna, regione che produce il 70% delle pere italiane, si stima un calo delle produzioni del 13% rispetto alla campagna 2015, raggiungendo le 448 mila tonnellate.

Abate Fetel e la Conference il Cso Italy stima rispettivamente un calo produttivo del 14% (a 220mila ton) e del 13%, i volumi della Decana dovrebbero ridursi del 17%, quelli della Kaiser del 19% e quelli di Santa Maria addirittura del 25%. Segno meno anche per la William (-11%), mentre per Carmen dovrebbe registrarsi un leggero aumento.

Per le stime sulla produzione italiana ed europea di pere è necessario attendere la prossima edizione di Prognosfruit, che si terrà ad Amburgo il 4 agosto prossimo. Le prime indicazioni, come detto, fanno segnare un rallentamento della produzione italiana, da vedere come si comporteranno i principali produttori europei, su tutti Belgio e Olanda, per capire se il calo di produzione si trasformerà in una perdita di competitività dopo due anni in cui l’Italia ha guadagnato quote di mercato.