Tu sei qui

Bestack a Fruit Logistica porta uno sguardo verso l’ortofrutta del 2016
01/02/2016
-
news

E’ tutto pronto per la nuova edizione di Fruit Logistica, la vetrina di riferimento a livello internazionale per aziende, retailer, buyer e operatori del settore ortofrutticolo, in programma dal 3 al 5 febbraio alla Fiera Messe di Berlino.

Bestack, torna in fiera nello spazio collettivo del CSO-Ice-Fruitimprese-Italia Ortofrutta, sotto l’ombrello del Marchio Italy, insieme a una quarantina di aziende che rappresentano le eccellenze italiane del settore: l’area espositiva - Padiglione 2.2, stand A04 - è la più grande di sempre.

In particolare il consorzio cura parte degli allestimenti nell’area eventi e degustazione, qui il cartone ondulato avrà un ruolo da protagonista. A fare da scenografia sarà infatti una parete di cassette a marchio Bestack - bianche, eleganti, pulite - a servizio della valorizzazione del prodotto. E con uno sguardo verso il futuro del comparto: un futuro in cui il packaging vada oltre le sue mere funzioni logistiche e conquisti un ruolo da protagonista nella personalizzazione del prodotto e del brand, nella comunicazione di qualità, tipicità e italianità, nella lotta contro gli sprechi e nella salvaguardia dell’ambiente.

“L’anno appena concluso, tra tutte le recenti crisi che ci lasciamo alle spalle, è stato quello con i maggiori indizi di stimolo per il settore ortofrutticolo, quello in cui abbiamo messo in campo tante idee e iniziative, e buttato tanta legna nel camino. Il 2016, proprio per questo, deve essere l’anno in cui diamo fuoco al camino – dichiara il direttore di Bestack, Claudio Dall’AgataSe l’obiettivo è rinnovare la capacità competitiva del settore ortofrutticolo italiano, la ricetta non è semplice, ma noi abbiamo un’idea. Un auspicio, più che altro: cambiamo marcia alla nostra comunicazione, in chiave soprattutto consumer, mettiamo da parte l’autoreferenzialità e parliamo al consumatore. Andiamo verso una ‘coolizzazione’ di frutta e verdura italiana”.

Nei dibattiti che hanno acceso il settore, l’opinione è concorde: qualità, bontà e genuinità dei prodotti, da mission di filiera sbandierata ai quattro venti, devono diventare un requisito imprescindibile per far riconquistare la fiducia dei consumatori e far riprendere quota alle vendite, qualificarsi in export, conquistare nuovi canali, stimolare nuove occasioni di consumo.

“Anche nel settore packaging si è investito molto nell’anno appena trascorso – continua Dall’Agata - L’ultima testimonianza sono i casi di innovazione sugli imballaggi presentati alla recente fiera Marca di Bologna. Non più imballaggi di trasporto, ma confezioni che raccontino il prodotto, ne facilitino l’esposizione a punto vendita, riducano lo spreco e aumentino la shelf life e integrino al proprio interno gli stessi valori del prodotto che contengono, la sostenibilità prima di tutto”.

Il mondo della produzione e l’universo del packaging da anni investono in questa direzione, e ora anche la GDO sta capendo l’importanza di questi aspetti.

“Come consorzio – conclude il direttore di Bestack – il nostro impegno, nel 2016, sarà quello di mettere a valore i percorsi di ricerca che negli ultimi cinque anni abbiamo avviato sul mercato, per andare verso la massima soddisfazione del consumatore e per garantire ad esso un  prodotto più fresco, con una vita di scaffale più lunga. Perché il cartone… allunga la vita. E’ una promessa”.