Tu sei qui

La filiera ortofrutticola con Bestack si confronta in TV per migliorare l’offerta italiana partendo dal packaging
28/09/2014
-
comunicato stampa

In occasione di Macfrut (Cesena Fiera, 24-26 settembre), giovedì 25 alle 15 lo stand del consorzio Bestack si trasforma in uno studio televisivo e ospita il talk show “Come valorizzare l’ortofrutta italiana” realizzato in collaborazione con Agrilinea

Un innovativo format televisivo ed espositivo mette in scena il “supermercato del domani”: fra banchi di ortofrutta futuristici, esuberanti, studiati per cerare valore emozionale, gli attori della filiera - dai produttori agli esportatori, dalla Gdo ai ricercatori - si incontrano per un dibattito  su progetti innovativi per dare nuova vita al comparto partendo dal packaging e dagli imballaggi in cartone ondulato

Il tema è caldissimo. I prezzi in caduta libera delle pesche dell’estate appena conclusa e l’embargo russo che falcidia le esportazioni, rendono attuale e contingente la necessità da parte della produzione ortofrutticola italiana di recuperare competitività.

Secondo i dati di Fruitimprese - associazione nazionale degli esportatori ortofrutticoli - nel primo semestre 2014, prima dell’embargo russo, le esportazioni di frutta italiana sono cresciute del 6,9% rispetto all’anno precedente in quantità, ma se si guarda ai prezzi, lo stesso dato si contrae del 2,4%. Trend ancora più negativo per la verdura, che perde sia in quantità del 4,6%, che in valore del 6,2%. In sostanza, si contraggono i fatturati, ma soprattutto i prezzi medi di vendita dei prodotti ortofrutticoli, a dimostrazione della crescente difficoltà di vendere e conseguentemente di creare margini.

“A fronte di un problema di tale complessità - dichiara  Claudio Dall’Agata, direttore di Bestack, il consorzio nazionale dei produttori di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta - appare evidente l’impossibilità di potersi limitare a risposte semplici e univoche; al contrario è necessario ricercare soluzioni diverse, sinergiche, specifiche da parte di ciascun componente della filiera, dalla produzione, alla distribuzione, ai banchi del supermercato. E’ necessario che ogni attore offra il suo contributo per la parte che gli compete, nella logica di remare tutti nella medesima direzione”.

E’ quanto mai indispensabile un nuovo approccio che sostenga la visione strategica dell’intero comparto, che consenta quindi di focalizzare le esigenze del consumatore, di comprendere le sue motivazioni di acquisto, magari di favorirle, cercando di posizionare al meglio l’offerta ortofrutticola italiana.

Ma tutto questo che significa, quali azioni prevede questo nuovo approccio, in sostanza come si valorizza l’ortofrutta italiana?

Se ne discuterà giovedì 25 settembre nel corso del talk show “Come valorizzare l’ortofrutta italiana”, prodotto da Agrilinea, che Bestack propone in tv in occasione di Macfrut (Cesena Fiera 24-26 settembre). Alle 15 lo stand del consorzio (Pad. B, stand 271-274 e 287-290) si trasforma in uno studio televisivo  e ospita una trasmissione a tema a cui parteciperanno rappresentanti di Fruitimprese, ricercatori del CRA, esponenti della produzione e della GDO.

Recuperare competitività significa migliorare il livello qualitativo del prodotto, affinare l’innovazione varietale, rendere evidente e riconoscibile il prodotto. Da questo concetto nasce l’iniziativa “Vivi l’autunno, mille e una voglia - scopri la frutta di stagione”, concept espositivo realizzato in partnership da Bestack, SG Marketing, Valfrutta Fresco e Ba.Ma. Consulting, realizzato all’interno dello stand di Bestack e pensato per valorizzare le diverse categorie di ortofrutta della stagione in corso, attraverso un’esposizione evocativa e al tempo stesso informativa, in grado di presentare le caratteristiche uniche dei prodotti ortofrutticoli di stagione e la loro profondità di gamma attraverso confezioni personalizzate in contrasto e uniformità cromatica.

In sostanza un’idea, forse un poco provocatoria, di un possibile reparto di ortofrutta del futuro. L’innovativo format  espositivo proposto, fondato sull’impiego di imballaggi in cartone ondulato personalizzati, sarà il palcoscenico all’interno del quale si confronteranno i partecipanti alla trasmissione televisiva per capire come vendere meglio l’ortofrutta italiana.

“Tutta la filiera deve compiere un salto di qualità, dall’indotto alla produzione, per valorizzare l’ortofrutta italiana – conclude Dall’Agata - e in tal senso gli imballaggi che riescono a far risaltare un prodotto, anche guardando all’innovazione delle confezioni distribuite nel largo consumo, domani più che mai avranno un ruolo in tal senso. D'altronde il concept di questo nostro progetto recita proprio questo: Imballaggi in cartone ondulato, valorizzano l’ortofrutta di qualità