Tu sei qui

Consumatori

PICCOLI FRUTTI E CILIEGIE NELL’IMBALLAGGIO IN CARTONE ATTIVO BESTACK SONO PIÙ SICURI E GUADAGNANO IN TEMPO E QUALITÀ

 

Il consorzio ha testato i benefici del packaging in cartone anti-spreco, brevettato insieme all’Università di Bologna, sui lamponi Sant’Orsola e sulle ciliegie Orchidea Frutta

Dai test in magazzino e dai panel test effettuati è emerso che il prodotto confezionato in imballaggio Attivo è più bello e più buono, si mantiene più fresco sullo scaffale, con benefici economici sia per il produttore che per il distributore, ed è più igienico e sicuro. Gli sprechi si riducono in modo significativo

 

Nell’aspetto sembra una cassetta qualunque, ma grazie a un innovativo brevetto, messo a punto con l’Università di Bologna, è uno strumento intelligente contro lo spreco alimentare: consente infatti di ridurlo in modo significativo. È il packaging Attivo di Bestack, realizzato grazie al sostegno di Comieco, una confezione smart che, grazie all’aggiunta nel cartone di olii essenziali naturali ad azione antimicrobica, permette di prolungare la shelf life della frutta, riducendo in modo significativo gli scarti.

I primi test dal campo alla tavola, per misurare i benefici reali del packaging anti spreco nella filiera delle fragole e delle albicocche, sono stati un successo. Ora il consorzio non profit dei produttori italiani di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta fa un ulteriore passo avanti nella sua attività di ricerca e sperimentazione, applicando l’imballaggio Attivo a prodotti ad alto valore aggiunto come i piccoli frutti, per i quali un aumento anche di poche ore della shelf life può essere significativo. Bestack ha infatti avviato a fine 2017 una collaborazione con Sant’Orsola per testare l’efficacia degli imballaggi attivi sui lamponi, mentre con Orchidea Frutta sono stati fatti dei test sulle ciliegie. I test sono stati condotti dal Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agro-alimentari (Distal) dell’Università di Bologna. In entrambi i casi è stata analizzata anche la percezione del consumatore e l’impatto sui comportamenti di acquisto, e pertanto sulle dinamiche commerciali.

CLICCA QUI PER LEGGERE IL COMUNICATO INTEGRALE

CLICCA QUI PER RICHIEDERE I PIANI SPERIMENTALI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE